Nizza di Sicilia

Testate procedure contro "vacche sacre"

Sta per entrare nel vivo l'attività di contrasto alle "vacche sacre" decisa nel Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica tenuto nei giorni scorsi a Cittanova, presieduto dal prefetto di Reggio Calabria Michele di Bari, e pianificato in sede di tavolo tecnico tenuto in Questura e al Comune di Terranova Sappo Minulio. A Terranova, dopo un briefing iniziale, la "Task force" composta da carabinieri, carabinieri forestali e dello Squadrone Cacciatori di Calabria, finanzieri, poliziotti, agenti della Polizia provinciale, vigili del fuoco, tecnici del servizio ceterinario dell'Asp, vigili urbani, ha geo-localizzato i luoghi dove sono presenti gli animali e testato le apparecchiature nonché la tempistica dell'intervento. La simulazione è servita a definire le modalità operative per i prossimi servizi. Le operazioni si ripeteranno per contrastare il fenomeno quale manifestazione di arroganza 'ndranghetistica che con le "vacche sacre" intende esercitare forme di controllo del territorio.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie